Studi staminali e coronavirus

Terapie cellulari Multistem®: risultati rilevanti per il Covid-19

Uno studio sulle terapie cellulari ha ottenuto risultati definiti altamente rilevanti sulle Sindromi Respiratorie Acute associate a Covid-19.

Sindrome Respiratoria Acuta da Covid-19

La causa primaria di morte, dopo infezione da Covid-19 è una Sindrome da Stress Respiratorio Acuto (ARDS), in cui la morte sopraggiunge a causa di una totale mancanza di ossigeno.
Ad oggi, nessuna terapia pare risultare davvero efficace.

La Biomedical Advanced Research and Development Authority (BARDA; DC, USA) organizzazione  che ha come ruolo primario quello di accelerare il riscontro in processi di diagnosi, terapie e vaccini antivirali per i pazienti, ha definito come altamente rilevante l’applicazione di MultiStem.

Multistem è un derivato di cellule staminali da midollo osseo, contenente cellule adulte multipotenti note come MAPC, sviluppate da Athersys Inc. (OH, USA) per il trattamento delle sindromi respiratorie acute.

Gil Van Bokkelen, Presidente e Amministratore delegato di Athersys, ha dichiarato che:

“nel 2019 sono stati fatti importanti progressi nei nostri programmi sulla cura dell’infarto e di altre patologie, con promettenti risultati clinici anche nell’ambito del programma per l’ARDS.
Tali risultati ci hanno consentito di ottenere dalla FDA la designazione di “procedura accelerata”.

Cause di Sindrome Respiratorie Acuta

La sindrome respiratoria acuta può essere provocata da differenti condizioni, incluso un rilevante numero di patogeni.
Molte tecniche sono state ad oggi investigate sia per limitare i danni provocati dall’agente eziologico, prima che questi diventino troppo gravi, sia per riparare i danni provocati sul polmone, ma molti altri sono gli studi che sono solo all’inizio del loro percorso.

Trattamenti attualmente applicabili in ambito di Sindromi Respiratorie Acute

Ad oggi, non esistono trattamenti realmente efficaci contro la ARDS, se non il tentativo di migliorare la ridotta capacità di ventilazione.

L’importanza di questo programma riveste un ruolo ancora maggiore, alla luce della recente pandemia da Covid-19.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha confermato, infatti, che la causa primaria di morte in questi pazienti è associata ad ARDS (Sindrome da Stress Respiratorio Acuto).

La Sindrome è spesso fatale e può essere indotta non solo dal Covid-19, ma anche da altri patogeni, come quelli dell’influenza virale, MERS e SARS.

In Gennaio, quando l’epidemia era solo ai primi stadi, l’azienda di Gil Van Bokkelen è stata approcciata dal BARDA nell’ambito del “Programma di controllo dei Coronavirus Covid-19”.

Il Multistem è stato considerato un possibile trattamento contro il Covid-19 definendolo molto rilevante, alla luce delle tante ricerche poste alla loro attenzione.

Per questo Athersys Inc sta lavorando alacremente per portare ulteriori risultati nell’ambito del programma di BARDA, approcciandosi ad una Fase III del protocollo, sperando di confermare l’efficacia nel trattamento e di poter reclutare un numero sempre maggiore di popolazione affetta da questa sindrome.


Aggiornamento al 10/04/2020

A suffragio di questa tesi, è stato reso noto un ulteriore studio che ha posto in evidenza come:

la chiave per un trattamento efficace della polmonite indotta da Covid-19 possa essere quella di prevenire e invertire la cascata di liberazione di citochine che si instaura durante il suo decorso.

E’ stato dimostrato che le Cellule Staminali Mesenchimali (MSCs) hanno una potente funzione immunomodulatoria.
Queste cellule sono in grado di “smorzare” la risposta infiammatoria all’infezione che, nella sindrome respiratoria acuta, sarebbe indotta proprio dalla liberazione massiva di citochine.

In questo studio [1], 7 pazienti affetti da Covid-19, in un ospedale di YouAn in China, sono stati sottoposti a un protocollo durato dal 23 Gennaio al 16 Febbraio 2020 e sono stati trattati con Cellule Staminali Mesenchimali iniettate per via endovenosa.

In 3 pazienti di controllo, invece, è stato impiegato un placebo.

I pazienti infusi con le Cellule sono stati sottoposti a controllo per i 14 giorni successivi.

Sintomi e funzionalità polmonare sono drasticamente migliorati già dopo 2 giorni dall’inizio del trattamento.
Tra questi pazienti,

  • uno presentava sintomi gravi
  • due sintomi comuni

ma in 10 giorni sono tutti migliorati e sono stati dimessi.

Dei 3 nel gruppo di controllo, uno è deceduto, uno ha mostrato segni di polmonite acuta e l’altro è peggiorato con aggravamento dei sintomi.

La somministrazione di Cellule Staminali Mesenchimali è stata in grado di:

  • stimolare la riparazione dei tessuti
  • ridurre l’infiammazione
  • ridurre o evitare il danno tissutale a livello polmonare.

In questo studio, per i 14 giorni seguenti l’infusione, sono stati indagati:

  • i livelli dei linfociti periferici (che sono aumentati)
  • la proteina C reattiva (che è diminuita)

Inoltre, l’efficacia immunomodulatoria si è manifestata entro 3 – 6 giorni, attraverso una drastica riduzione e arresto della produzione di citochine infiammatorie.

Questo tipo di trattamento, eseguito per via endovenosa, si è dimostrato sicuro e senza effetti collaterali, anche in pazienti anziani con sintomi polmonari gravi.

Il protocollo dovrà ancora essere sottoposto a valutazioni da parte della FDA che sta comunque testando anche altri protocolli, sempre basati sull’impianto di Cellule Staminali.

Fonte

http://www.athersys.com/investors/press-releases/press-release-details/2020/Athersys-Announces-Financial-Results-for-Fourth-Quarter-and-Full-Year-2019/default.aspx

[1] Abstract Aging Disease